Marinella Marruzzino

Il Drob pasquale ( Drob de Miel )

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

drob de miel/pinterest.com

Le influenze della religione ortodossa, oltre a riflettersi nella cultura, fanno da protagoniste anche nella gastronomia rumena, in particolar modo lo si nota nei piatti tradizionali preparati in occasione delle festività. Il Drob de Miel è proprio uno di quei piatti tradizionali che non può mancare sulla tavola il giorno della Pasqua ortodossa.

ORIGINI E FONTI: La credenza religiosa alla base di questa pietanza a base di carne di agnello, vede nel sacrificio dell’ agnello un richiamo simbolico al sacrificio di Gesù, mentre fonti di natura non religiosa ci riportano la leggenda secondo la quale questa pietanza veniva consumata dai pastori nomadi dell’ Occidente come segno di buon auspicio, prima di intraprendere un lungo spostamento.

INGREDIENTI:

Circa 500 g di frattaglie di agnello
2 uova sode
2 uova crude
1 fetta di pane bagnato nel latte
cipolla
prezzemolo
aneto
1 cucchiaino di panna acida
sale
pepe
una membrana d’agnello o un foglio di pasta e olio per ungere la teglia.

Procedimento: Per prima cosa occorre lessare le viscere in acqua salata. Lasciarle raffreddare e poi tritarlle insieme al pane. Tritare finemente anche la cipolla, il prezzemolo e l’aneto, e poi metterci sopra la carne. Dopo, si aggiungono le uova crude, la panna, il sale e il pepe. Si mescola tutto bene. Ungete la teglia e stendete la membrana o il foglio di pasta dentro. Adesso potete mettere la metà della miscela, le uova bollite e poi la restante metà della miscela. Infine, si avvolge il composto nella membrana (o nel foglio di pasta) e si infila nel forno preriscaldato per 30 minuti.