Andrea Brengola

Il Cairo

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

View of Cairo from roof of Amir al-Maridani mosque - EgyptCon oltre 10 milioni di abitanti e più di 15 milioni nell’area metropolitana, il CairoMaps-icon-small è tra la città africane più popolose. Fondata sul delta del Nilo, nel nord dell’Egitto, il Cairo ricopre un’area di 214 km quadrati.

La parte più antica della città sorge ad est del Nilo mentre sul versante occidentale del fiume si è realizzato a partire dal 19esimo sec. uno sviluppo urbanistico costruito sul modello “Parigi”, con ampi giardini pubblici, spazi aperti ed ampi viali. Se la parte occidentale del Cairo ospita palazzi governativi con architetture moderne, quella orientale si presenta ben diversamente: stradine affollate con uno sviluppo urbanistico a dir poco “selvaggio” e decisamente caotico.

GerizaMaps-icon-small e RodaMaps-icon-small, due isole che emergono sul Nilo, sono collegate al Cairo con diversi ponti che congiungono i quartieri centrali con la periferia di Giza

dove insiste la celebre piana e il complesso archeologico tra i più visitati al mondo. Nella zona ovest di Giza, che si apre al deserto, sorgeva l’antica

Cammelli e Piramidi

Cammelli e Piramidi

necropoli di MenfiMaps-icon-small. Qui sono situate le piramidi più grandi e famose della storia dell’umanità: la piramide di CheopeMaps-icon-small, l’unica tra le sette meraviglie del mondo antico giunta ai giostri giorni, la piramide di ChefrenMaps-icon-small e la piramide di MicerinoMaps-icon-small, che secondo alcune recenti ricerche, sono state erette rispecchiando sulla terra la cintura di Orione.

Oltre al culto dei faraoni, considerati delle divinità, le piramidi erano erette in onore del Sole, tanto che i loro spigoli rappresentano i raggi solari che scendono sulla terra. La forma piramidale rappresenta inoltre una “scala” verso il cielo e viceversa.

La Sfinge con lo sfondo delle Piramidi

La Sfinge con lo sfondo delle Piramidi

Quello che ancora oggi stupisce, oltre la maestosità dei complessi di Giza, la precisione con cui furono realizzate le piramidi sorte con uno schema celeste ben preciso tanto che ciascuna delle quattro facce indica con precisione un rispettivo punto cardinale. Una necropoli che riporta il viaggiatore nell’antico Egitto e che presenta su questa vasta area anche altri reperti archeologici ed edifici satellite: templi funerari, rampe e cimiteri di diverse epoche storiche.

Attrazione indiscussa, oltre le tre piramidi, la grande SfingeMaps-icon-small che sorge sulla parte orientale del complesso e che rivolge il suo sguardo enigmatico verso est, dove sorge il Sole.

Continua a Leggere

Pages: 1 2