Admin

Genova

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Immagine di copertina: ©Daniel-Jacobs/flickr.com

GenovaMaps-icon-small ha il fascino della città di mare, con i suoi celebri vicoli e le sue strade costeggiate da palazzi monumentali; è una meta ideale per un fine settimana da turista, grazie anche all’ottima offerta enogastronomica e alla vivace vita notturna che sa offrire.

A Zonzo

Piazza de Ferrari-©maralb56/pixabay.com

Non possiamo non far partire la nostra guida dalla bellissima piazza centrale, Piazza De FerrariMaps-icon-small, il fulcro della vita sociale di Genova, caratterizzata dalla sua grande fontana bronzea di forma circolare. Su questo scenario si affacciano il Palazzo dell’Accademia Linguistica di Belle ArtiMaps-icon-small con i portici sui tre lati, il Palazzo DucaleMaps-icon-small in passato sede del primo Doge genovese, il Palazzo della Nuova BorsaMaps-icon-small con la sua facciata imponente ricca di pilasti, e il Teatro Carlo FeliceMaps-icon-small, interamente ricostruito nel dopoguerra in quanto distrutto dai bombardamenti.
A meno di 5 minuti a piedi, in direzione del porto, potete raggiungere la cattedrale di San LorenzoMaps-icon-small,

Cattedrale di San Lorenzo-©neufal54/pixabay.com

all’interno della quale sono custodite le ceneri di San Giovanni Battista patrono di Genova. E’ una imponente costruzione in marmo bianco e nero, sita nel cuore medievale di Genova e protetta simbolicamente da due statue di leone che affiancano la scalinata principale. Risale al 1100, anche se fu

Teatro Carlo Felice-©leoplus/flickr.com

ultimata nel 1300 ed ospita al suo interno numerose opere degne di nota.

Una volta terminata la visita della Cattedrale, percorrendo via San LorenzoMaps-icon-small vi potete dirigere verso Porta SopranaMaps-icon-small (conosciuta anche come Porta di Sant’Andrea): è un esempio tra i più antichi della Genova medievale, con i suoi grandi blocchi di pietra che si stagliano su una piccola altura. La porta è affiancata da due torrioni di imponenti dimensioni, impossibili da non notare. Una breve scalinata in pietra che parte dalla porta vi condurrà alla casa del celebre navigatore Cristoforo ColomboMaps-icon-small, secondo la tradizione colui che scoprì le Americhe. E’ l’abitazione in cui Colombo nacque, ed al piano terra potete visitare la bottega dove la sua famiglia svolgeva l’attività di commercio di tessuti.

Dopo aver visitato questi monumenti, probabilmente avrete voglia di una pausa e di lanciarvi un po’ nello shopping: non c’è zona migliore a Genova di Via XX SettembreMaps-icon-small, la imponente strada che collega Piazza de Ferrari con Piazza della Vittoria. Qui, oltre a poter usufruire di una

Palazzo della borsa-©Raiko-Radiuk/flickr.com

ampia scelta di negozi, potete anche rilassarvi in uno dei numerosi caffè e bar eleganti che animano la via. Via XX Settembre è caratterizzata dai suoi portici, con soffitti ornati sontuosamente; passerete anche sotto al Ponte MonumentaleMaps-icon-small, costruito all’inizio del 900.
Altra meta da non perdere è il Porto Antico di GenovaMaps-icon-small, raggiungibile percorrendo Via San Lorenzo verso il mare; il quartiere ha ospitato l’Expo del 1992 (cinquecento anni dalla scoperta dell’America) ed è stato per l’occasione oggetto di riqualificazione ad opera di Renzo Piano. Vi ha sede anche il famoso Acquario di GenovaMaps-icon-small, imperdibile se avete dei bambini al seguito.

©Samueles/pixabay.com

Quando si nomina Genova non si può fare a meno di associarla ai suoi celebri vicoli, i caruggi, un dedalo di viuzze strette della vecchia Genova, dove sopravvivono storiche botteghe e si respira un’aria di piacevole decadenza e di passato nostalgico. I caruggi sono centinaia, tra i più celebri ricordiamo via San LucaMaps-icon-small, sicuramente uno dei più intriganti e pittoreschi e la celebre via Del CampoMaps-icon-small, cantata da Fabrizio De Andrè
Due itinerari che vale la pena di citare sono anche quelli di Via BalbiMaps-icon-small e via GaribaldiMaps-icon-small. La prima è sede del Palazzo RealeMaps-icon-small e dell’Università di GenovaMaps-icon-small. Percorrendola, si può ammirare la famosa salita di Santa BrigidaMaps-icon-small.

Via Garibaldi è stata inserita dall’UNESCO nella lista dei siti patrimonio dell’umanità. Ospita i palazzi dell’antica e ricca borghesia genovese, caratterizzati da sfarzo e ricchezza. Vi sui trovano palazzi facenti parte del sistema dei Rolli, ossia oggetto di un decreto che a metà del 500 riconosceva uno status nobiliare particolare ad alcune famiglie genovesi.

Continua a leggere

Pages: 1 2