Adriano Pagano

Bruges

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

bruges-Dollarphotoclub-webPasseggiare senza meta lungo le vie di BrugesMaps-icon-small è come trovarsi dentro una curatissima ricostruzione di un tipico borgo medievale centroeuropeo.

Una città bomboniera come di quelle incastonate nei celebri souvenir “palle di vetro con neve” per turisti. Questa sensazione è ovviamente più marcata se la si visita nel periodo natalizio, quando l’atmosfera è magia allo stato puro.

Visitare Bruges è come fare un tuffo nel 13esimo secolo perché a differenza di altre città a quelle latitudini, è stata risparmiata dai bombardamenti delle guerre. Non a caso a partire dal 2000 è stata riconosciuta patrimonio mondiale dell’Umanità.

Pinnacoli, torri, vie lastricate e canali sono disseminati su tutta l’area cittadina.

bruges-Dollarphotoclub_webMolto caratteristici i graziosi negozietti del centro. Immancabile l’utilizzo della bici per apprezzarne appieno tutte le sue meraviglie paesaggistiche ed architettoniche, oppure del battello che attraversa i numerosi canali.

La visita della città non può che iniziare dal MarktMaps-icon-small la piazza principale della città, circondata da edifici, tra cui spicca il più antico di Bruges risalente al XV secolo e dove per due anni dal 1657 visse durante il suo esilio Carlo II d’Inghilterra. Al centro della piazza si trova la statua del Bruges Matin.

Sul Markt si affaccia anche la famosa torre campanaria chiamata BelfortMaps-icon-small, qui grazie ad una scala a chiocciola si può arrivare alla cima del campanile, dalla quale si gode una magnifica vista della città.

Poco distante dal Markt si trova il BurgMaps-icon-small, dove un tempo sorgeva la fortezza, intorno alla quale si estese la città, in passato il centro politico e religioso di Bruges.

Qui si possono ammirare la Proostdij, la Casa del Prevosto, e lo Stadhuis, l’antico municipio cittadino, oltre alla Heilig Bloed Basiliek, la Basilica del Sangue Santo.Brugse Zot

Dal punto di vista enogastronomico vi è una grande varietà di prodotti, tra i molti piatti spicca la zuppa di pesce, e i filetti di aringa da “latte” Jefke, serviti freddi e accompagnati da fagioli bianchi, il coniglio alla birra, il boudin (salsiccia di maiale composta con pane, uova e spezie), e le cozze con le patatine fritte.

In tutto il Belgio si produce tanta buona cioccolata e oltre 600 tipi diversi di birra, durante il giro a Bruges si può visitare il birrificio De Halve Maan dove si produce la Brugse Zot, e naturalmente il museo del cioccolato Choco-Story, in St Jansplein.