Admin

Banya-Bashi l’ultima moschea di Sofia

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Immagine di copertina:©Marinella Marruzzino

Situata nella parte centrale di Sofia, la moschea Banya-BashiMaps-icon-small faceva parte di un più ampio complesso termale, da cui il suo nome. Si suppone che sia stato costruito dal grande architetto Kodja Mimar Sinan – Janissary che, come dice la leggenda, era del villaggio Rodopi di Shoroka Luka.

È noto che l’architetto ha costruito oltre 81 moschee tra cui la famosa moschea Selim II ad Edirne.
Secondo alcune note conservate, la moschea fu costruita nel 1576, ma il viaggiatore Hans Dernschwam, che attraversò Sofia nel 1553, annotò quanto

©Marinella Marruzzino

segue: “Accanto al bagno c’è una moschea turca splendidamente costruita, proprio come le costruiscono i sultani”.

La moschea è uno dei pochi monumenti ottomani rimasti, poiché la maggior parte sono state demolite durante l’epoca del comunismo.

Architettura
L’ingresso è presentato da un portico sostenuto da quattro colonne monolite in pietra con capitelli di stactite caratteristiche e sormontato da tre cupole. Le volte interne del portico sono ornate con decorazioni floreali e muqarnas. A destra dell’ingresso si staglia il minareto in pietra e mattoni rossi. La sala della preghiera è sormontata da una singola grande cupola del diametro di 15 m. Gli interni della moschea sono decorati con iscrizioni coraniche e dipinti floreali.

Il viaggiatore medievale Evliya Celebi scrisse nel 1662 che era “il minareto più bello di Sofia“.